Arrivano le Zeppole di San Giuseppe 2019

Zeppole di San Giuseppe: Le nuove versioni di SfogliateLab

Nelle famiglie campane è abitudine festeggiare la Festa del Papà con la Zeppola di San Giuseppe, un dolce tipico, costituito da un bignè di pasta choux, fritto o al forno, farcito con crema pasticciera e rifinito con un’amarena sciroppata e una spolverata di zucchero a velo, dalle origini antichissime. Infatti, si racconta che già San Giuseppe, durante la fuga in Egitto, per sostenere la famiglia dovette affiancare all’attività di falegname quella di venditore di frittelle. La zeppola assunse la forma attuale nel ‘700 ad opera delle monache del Monastero della Croce di Lucca o del Monastero di San Gregorio Armeno mentre, la ricetta ufficiale fu  pubblicata  nel 1837 dal gastronomo napoletano Ippolito Cavalcanti, Duca di Buonvicino, nel suo Trattato di Cucina Teorico-Pratico.

Il pasticcere Vincenzo Ferrieri, titolare della pasticceria SfogliateLab (Piazza Garibaldi angolo Corso Novara), per il 2019, oltre alle Zeppole di San Giuseppe classiche, propone anche tante nuove versioni “gourmet”. In particolare i gusti disponibili quest’anno sono:

  • pistacchio;
  • crema chantilly e fragoline;
  • panna e fragole;
  • cioccolato fondente;
  • cassata;
  • choco stelle (pan di stelle);
  • zuppa inglese e babà.

Inoltre, su ordinazione si possono richiedere altri gusti a scelta.

Le versioni classiche e “gourmet” di SfogliateLab permettono di accontentare gli amanti delle tradizioni e anche i palati più raffinati sempre in cerca di novità, consentendo a tutti di festeggiare la Festa del Papà con le golose Zeppole di San Giuseppe, immancabili in questo giorno di festa.

’O Babbasone: il dolce “facilone” degustabile a tutte le ore

Lo scorso anno dai nostri laboratori abbiamo creato questo simpatico barattolino, disponibile in due versioni: mignon e grande. I primi gusti durante la campagna di lancio del 2017 sono stati 3. Poi per l’estate 2018 arrivano i nuovi gusti… ma scopriamo qualcosa di più su questo simpatico e goloso barattolino.

Il termine “babbasone” fa parte di molti dialetti del Sud, in particolare a Napoli “’o babbasone” è un uomo grosso, facilone e dal carattere aperto. Babbasone era anche uno dei personaggi principali di un libro di Matilde Serao, “Il Paese della Cuccagna”, ovvero il proprietario di un’osteria situata ai Ponti Rossi (zona Capodimonte).
Vincenzo Ferrieri, patron di SfogliateLab, ha dedicato a questa simpatica figura un irresistibile dolce: un babà immerso in golose creme e racchiuso in un barattolo (disponibile in versione large e in versione small). Otto i gusti del dolce:

▶Plasmonito;

▶Tronkettino;

▶Oreolè;

▶Pistacchio;

▶Limone e fragola;

▶Tiramisù;

▶Amarena;

▶Kinderone;

▶Chocostelle;

’O Babbasone” è un dessert “facilone”, si lascia degustare in qualsiasi momento della giornata: a fine pasto,  durante una pausa mattutina, oppure a sera per terminare la giornata in dolcezza!

 

La sfogliatella in versione pic-nic

Nasce la sfogliatella rustica fave e pancetta

La scampagnata fuori porta, che un tempo avveniva per dare il benvenuto alla Primavera, oggi è diventata un pretesto per passare la Pasquetta, altri giorni di festa, oppure semplicemente le belle domeniche primaverili in compagnia di parenti ed amici senza vincoli di forma (addio, dunque, a giacca, cravatta e tacchi a spillo e, cosa che vale soprattutto per le signore, bye bye fornelli accesi e lavastoviglie in azione).  Le fave non possono mancare nel cestino del pic nic: piccole, tenere e dolci, vanno accompagnate con formaggi e salumi che ne contrastano il gusto.

Uno degli abbinamenti per “antonomasia” consiste nel mangiare le fave accompagnate dalla pancetta:  la loro dolcezza  si sposa in un connubio ideale con il sapore intenso del salume. Conscio di ciò il pasticciere Vincenzo Ferrieri, patron di SfogliateLab (tempio del gusto ubicato in piazza Garibaldi), ha creato una sfogliatella rustica con un cuore a base di fave, pancetta e ricotta romana da consumare durante i pic nic, o – più in generale – durante un aperitivo (magari in versione mignon) od ancora nel corso di un momento di pausa.

Questo nuovo prodotto è disponibile sia presso la pasticceria SfogliateLab (ubicata in piazza Giuseppe Garibaldi, 82 – Napoli) sia sull’e-commerce www.sfogliacampanella.it.

Zeppole di San Giuseppe versione 2018

Le zeppole “gourmet” di Vincenzo Ferrieri

La zeppola di San Giuseppe, bontà simbolo della Festa del Papà e – più in generale – dolce tipico di questo particolare periodo (fa capolino infatti nelle vetrine di SfogliateLab tutto l’anno, per diventarne poi la protagonista quasi assoluta da fine febbraio a fine marzo), è stata rivisitata dal pasticciere Vincenzo Ferrieri che, oltre a prepararla nelle due versioni classiche (un bignè di pasta choux, fritto oppure al forno,  farcito con crema pasticciera e rifinito con un’amarena sciroppata e una spolverata di zucchero a velo), la propone anche in versioni “gourmet”, ovvero farcita con crema al pistacchio, con panna e fragoline, con panna e cioccolato, oppure ricoperta con una golosa glassa al cioccolato e farcita e guarnita con crema al pistacchio.

La zeppola è un dolce tipico campano che ha origini antichissime: diverse poesie e filastrocche narrano infatti che Giuseppe, in fuga verso l’Egitto con Maria e Gesù, per sostenere la famiglia si fosse dato al mestiere di “frittellaro”. Non è sicuro che questa sia la vera origine della zeppola, ma non c’è modo più adatto –  e goloso – per festeggiare tutti i papà del mondo.

La Sfogliacampanella Mimosa

La sfogliatella che omaggia le Donne

Fiorisce agli esordi del mese di marzo: è questa la motivazione per cui la mimosa nell’immediato dopoguerra è stata scelta come simbolo della prima Festa della Donna nell’Italia libera e democratica. Questi particolarissimi fiori – piccoli, sferici e d’un colore giallo vivace – hanno ispirato il pasticciere Vincenzo Ferrieri – patron di SfogliateLab (tempio del gusto ubicato in piazza Garibaldi, Napoli) – nella creazione di una sfogliatella che, rivisitata nella forma dell’involucro e nella farcitura, ne emula le caratteristiche: la Sfogliacampanella Mimosa. Così i piccoli fiori sferici sono ottenuti con il pan di Spagna sbriciolato, e la sfoglia diventa un cono farcito con una morbidissima crema chantilly ove sono immerse prelibate fragoline…

Un dolce pensiero che omaggia la delicatezza e la vivacità che ogni mamma, moglie, nonna, figlia o amica sa portare nella vita di chi le affianca.

La Sfogliacampanella va in scena alla Smeraglia Luxury Clinic

Smeraglia Luxury Academy: un nuovo tempio della bellezza a Napoli

Grande attesa per l’inaugurazione venerdì 16 febbraio alle ore 19 presso il polo di “Eccellenze campane” (ubicato in via Brin, Napoli) della nuova “Clinica Smeraglia”, del professor Silvio Smeraglia, un centro di chirurgia plastica ed estetica all’avanguardia in grado di coniugare eccellenza, tecnologica ed innovazione.

All’evento prenderanno parte tanti personaggi dello spettacolo e dello showbiz tra i quali: Ornella MutiAida YespicaCristiano MalgioglioLorenzo FlahertyGabriele ParpigliaLuca OnestiniMaurizio MattioliAndrea RoncatoAndrea Vento. Previsto l’intervento musicale di Valentina Stella. Attraverso il nuovo polo, la “Smeraglia Luxury Clinic” vuole puntare alle nuove leve, ovvero dare l’opportunità ai giovani specializzandi in chirurgia plastica ed estetica delle università napoletane di formarsi attraverso esperienze proprio all’interno della “Smeraglia Luxury Academy”, il primo polo formativo che valorizza la cultura del saper fare come valore trainante della crescita professionale dei futuri chirurghi plastici napoletani.
Tutti gli invitati al party inaugurale della clinica potranno degustare la Sfogliacampanella (il famoso dolce due in uno inventato da Vincenzo Ferrieri, una sfogliata con il cuore di babà) ed altre golosità prodotte nel laboratorio dolciario di SfogliateLab (l’hub dolciario ubicato in piazza Garibaldi).

La sfogliatella diventa un abito di Carnevale

La sfogliatella diventa un abito di Carnevale

Il Carnevale dà la possibilità di essere per alcuni giorni chi si vuole, dando spago al divertimento più euforico e – perché no – anche alle preferenze in materia di cibo.

E se, ad esempio, la sfogliatella – oltre ad essere tra i dolci più apprezzati da napoletani e non – divenisse anche una maschera ufficiale del Carnevale napoletano? Detto fatto!

Un bambino particolarmente goloso di questo dolce, Antonio Aiello, gira per Napoli con un vestito che riproduce la “Sfogliacampanella”, la sfogliatella con il cuore di babà inventata da Vincenzo Ferrieri, patron del bar-pasticceria SfogliateLab ubicato a piazza Garibaldi. Le foto appena postate sui social hanno già incassato centinaia di preferenze e condivisioni.

E voi cosa ne pensate? 🙂

La Sfogliacampanella per San Valentino raddoppia

Il dolce napoletano per antonomasia incontra l’arte del cake design

La famosa sfogliatella con il cuore di babà diventa il dolce dell’Amore

Un concentrato di passione e dolcezza: non esiste definizione più giusta per la Sfogliacampanella, il dolce due in uno (una sfogliatella con il cuore di babà) che ha conquistato il palato di napoletani e non.

In occasione della festa degli Innamorati, il dolce raddoppia: due sfogliacampanelle al gusto “bacio” legate da una raffinata decorazione in pasta di zucchero. La pasticceria classica napoletana incontra dunque l’arte del cake design per creare un prodotto goloso e unico.

Che festeggiate il San Valentino con una cena romantica, una gita fuori porta, o un tete a tete casalingo, per chiudere in bellezza il giorno più romantico dell’anno non c’è modo migliore che mangiare una Sfogliacampanella in due… Un dolce peccato di gola capace di sciogliere il più duro dei cuori!
Il rito da effettuare è semplice, ma romantico:  ci si scambia un bacio e poi si potrà condividere con il proprio partner questo puro piacere cioccolatoso!  Un modo diverso per condividere un momento piacevole con la persona amata…

Il dolce è in edizione limitata, sarà disponibile presso il bar pasticceria SfogliateLab solo fino a fine febbraio.

Hashtag ufficiali: #sfogliacampanella #sfogliacampanellainlove.

A Napoli la Befana porta una calza piena di sfogliatelle!

Quest’anno la Befana porterà ai bambini napoletani, oltre ai classici dolciumi – caramelle, cioccolatini e carbone (naturalmente dolce) -, anche sfogliatelle e sfogliacampanelle.

Il 6 gennaio, infatti, presso Città della Scienza sarà allestita un’area show cooking ove Vincenzo Ferrieri, patron di SfogliateLab (storica pasticceria ubicata a piazza Garibaldi), insegnerà ai piccoli spettatori come si fanno la sfogliata riccia e la sfogliacampanella (la famosa sfogliatella con il cuore di babà).

A fine laboratorio i dolci saranno offerti gratuitamente ai bambini partecipanti.  Sarà possibile accedere all’iniziativa tramite prenotazione (partenza dall’ingresso Corporea, massimo 30 persone a turno).

Tale attività è compresa nel programma della Festa della Befana che si svolgerà presso Città della Scienza dalle ore 10 alle ore 18: una giornata all’insegna della scienza e del divertimento, durante la quale si svolgeranno laboratori, esperimenti, osservazione delle stelle e 3 science show per grandi e piccoli.

nuova sfogliatella rustica farcita con provola, zucchine e gamberetti

La sfogliatella entra a pieno titolo nei menù delle feste
Vincenzo Ferrieri lancia una nuova sfogliatella rustica farcita con provola, zucchine e gamberetti

 

La sfogliatella, uno dei prodotti “made in Naples” più noti e apprezzati, ha dimostrato – soprattutto negli ultimi anni – di essere parecchio versatile ed è stata declinata in diverse versioni sia dolci che salate; in particolare, in occasione delle feste in corso, questa ambita bontà, farcita con ingredienti “salati”, entra ufficialmente nel menù del cenone.
Vincenzo Ferrieri, patron di SfogliateLab – storico tempio del gusto allocato in piazza Garibaldi -, ha creato un prodotto unico, a cui difficilmente si riuscirà a resistere: una sfogliatella riccia salata farcita con provola, zucchine e gamberetti, una pietanza che evoca i sapori tipici della Costiera Amalfitana, luogo ove – tra l’altro – intorno al 1600 la sfogliatella – nella versione “Santarosa” – fu inventata. La “regina di Napoli” diventa così la protagonista della tavola durante le feste.
L’intenzione di Vincenzo Ferrieri, oltre ovviamente a promuovere “SfogliateLab”, storico marchio di famiglia, è finalizzata a valorizzare ed omaggiare la pasticceria artigianale e tradizionale partenopea, strizzando un occhio all’innovazione per renderla più appetibile ai giovanissimi.

Tutelando i dolci napoletani – spiega Vincenzo -, tuteliamo i diritti e la storia delle potenzialità gastronomiche e, più in generale, artigianali del popolo napoletano. Attraverso l’introduzione di nuovi gusti spero di catalizzare l’attenzione dei più giovani sui prodotti tipici della gastronomia campana e dissuaderli, dunque,  dal consumo di junk food ”.

Hashtag ufficiali: #sfogliacampanella, #sfogliatelab, #vincenzoferrieri

More info:
E – commerce: www.sfogliacampanella.it
FB: Sfogliatelab Tentazione Partenopee