È nata la SfogliaCampanella in versione salata

La SfogliaCampanella di SfogliateLab ora è anche rustica

Ideata da Vincenzo Ferrieri nel 2015, la SfogliaCampanella, dolce due in uno formato da una sfogliatella riccia contenente un babà mignon avvolto in una raffinata mousse di ricotta e in un cuore di cioccolato, è diventata, grazie al suo sapore unico, il prodotto di punta della pasticceria SfogliateLab (Piazza Garibaldi angolo Corso Novara).

Dopo aver conquistato il palato dei più golosi con la versione dolce, da oggi, a grande richiesta, la SfogliaCampanella diventa anche rustica per la gioia di tutti gli amanti del salato.

Nella versione rustica, la sfogliata riccia a forma di campanella, impermeabilizzata con un’apposita fusione di formaggio per preservarne la croccantezza (simile a quella dolce ma al posto del cioccolato), contiene al suo interno un succulento ripieno di ricotta (ingrediente principale anche della classica sfogliatella e sfogliacampanella), ragù napoletano, carne macinata e piselli mentre l’esterno è  decorato con sugo di pomodoro, basilico e formaggio.

Disponibile solo su ordinazione, la SfogliaCampanella rustica vi darà l’incredibile sensazione di mangiare una lasagna racchiusa in una sfogliatella.

Per degustare al meglio il prodotto, che può essere tenuto massimo due giorni in frigo, vi consigliamo di riscaldarlo lievemente prima di mangiarlo, possibilmente in forno elettrico, per fare in modo che la sfoglia resti sempre croccante.

Se la provi, facci sapere la tua opinione con una recensione 😉

 

Arriva Sfogliacampanella Kit

La Sfogliacampanella è anche “Fai da te”

In occasione della Pasqua, Vincenzo Ferrieri, titolare della pasticceria SfogliateLab (Piazza Garibaldi angolo Corso Novara), fa un’altra bella sorpresa a tutti gli amanti della SfogliaCampanella.

Creata da Vincenzo Ferrieri nel 2015, la Sfogliacampanella è un dolce due in uno che unisce due grandi classici della pasticceria napoletana: la sfogliatella riccia e il babà. Infatti, l’esterno è costituito da una croccante sfogliata a pasta riccia a forma di campanella mentre l’interno racchiude un babà mignon avvolto in un cuore di cioccolato e in una raffinata mousse di ricotta.

Dopo aver conquistato il palato di tanti clienti napoletani, campani e i tanti gourmet che hanno avuto modo di assaggiarla durante i numerosi eventi in giro per l’Italia, ora, per accontentare le richieste sempre più numerose, la SfogliaCampanella diventa anche “fai da te” grazie al “kit di montaggio più dolce del mondo” ideato da Vincenzo Ferrieri per consentire a tutti di preparare in casa questo dolce straordinario dal sapore sorprendente.

SfogliaCampanella Kit include:

  • 6 coni campanella
  • 6 babà mignon secchi
  • scaglie di cioccolato da fondere
  • 1 bottiglia/contenitore small contenente bagna al rum
  • 1 sac à poche
  • 6 sotto gel

Per gustare in pochi minuti un’ottima SfogliaCampanella fatta in casa basterà semplicemente seguire 6 step:

  • Step 1
    Preparazione del babà nella bagna di rum
  • Step 2
    Inserire la ricotta tramite sac à poche sul fondo
  • Step 3
    Inserire il babà all’interno della #sfogliacampanella
  • Step 4
    Secondo strato di ricotta tramite sac à poche
  • Step 5
    Fondere la cioccolata per creare il tappo. Applicare il sotto gel e subito in frigo per circa 5 minuti
  • Step 6
    Tira fuori dal frigo e goditi la tua Sfogliacampanella “fai da te”.

Facile e veloce “SfogliaCampanella Kit” è un ottimo modo per cimentarsi nell’arte della pasticceria potendo contare sull’alta qualità dei prodotti di SfogliateLab che garantiscono la bontà del risultato finale.

Mettetevi alla prova, stupite parenti e amici e condividete con noi il frutto del vostro lavoro!

Non vediamo l’ora di vedervi all’opera e magari, in futuro, potrebbero esserci altri kit “fai da te” dedicati ad altri dolci… chissà! 😉

Tanti auguri di Buona Pasqua

La SfogliaColomba di Vincenzo Ferrieri

La prima colomba artigianale al gusto sfogliatella

Come vi abbiamo anticipato, Vincenzo Ferrieri, titolare della pasticceria SfogliateLab (Piazza Garibaldi angolo Corso Novara), ha pensato a una golosa sorpresa per tutti gli amanti della colomba.

Questo dolce di pasta lievitata, ideato intorno agli anni ’30 del Novecento a Milano usando gli stessi ingredienti del panettone natalizio (impasto a base di farina, burro, uova, zucchero e buccia d’arancia candita con copertura di glassa alle mandorle), ma utilizzando la forma della colomba per renderlo più adatto alle festività pasquali, è uno dei dolci più richiesti e apprezzati in tutta Italia non solo nella sua versione tradizionale, ma anche nelle sue numerose varianti innovative.

In particolare, quest’anno la colomba artigianale di SfogliateLab è disponibile in due gusti:

  • Cioccolato
  • Sfogliatella

La SfogliaColomba, grande novità del 2019, nata dopo il  successo dello “SfogliaPanettone” natalizio, è una colomba tradizionale farcita con la “sfogliata fredda”, la sfogliatella-gelato nota anche come sfogliatella scomposta che è stata molto apprezzata la scorsa estate, e decorata con croccante sfoglia sbriciolata e una sfogliatella classica in versione mignon.

Con la SfogliaColomba, ancora una volta Vincenzo Ferrieri ha unito tradizione e innovazione, riuscendo a innovare un dolce classico come la colomba utilizzando la sfogliatella napoletana, che è il prodotto di punta di SfogliateLab, nella cui preparazione famiglia Ferrieri è specializzata ormai da diverse generazioni.

Se siete curiosi di provarlo potete ordinarlo online dal nostro e-commerce qui.

La Pasqua da SfogliateLAB è sempre una sorpresa

I dolci pasquali di SfogliateLab 2019

Mancano pochi giorni alla Pasqua e nei laboratori di SfogliateLab (Piazza Garibaldi angolo Corso Novara), i pasticcieri, guidati da Vincenzo Ferrieri, sono alle prese con la preparazione dei dolci di Pasqua con cui tutte le famiglie napoletane, e non solo, accompagneranno i pasti di questi giorni di festa.

Ma l’impresa più ardua compiuta dallo staff di Ferrieri è stata compiuta durante la Domenica delle Palme. Per l’occasione infatti tutto lo staff della pasticceria è stato impegnato nella realizzazione e consegna di una torta speciale, lunga più di 2 metri, dedicata alla Madonna dell’Arco per i devoti dell’U. C. O. S. Antonio M. S. S. DELL’ARCO.

 

I dolci pasquali di SfogliateLab, come di consueto, spaziano da quelli più tradizionali a quelli più innovativi per accontentare proprio tutti in questo importante giorno di festa.

La regina dei dolci di Pasqua in Campania è senza dubbio la pastiera, una torta di pasta frolla farcita con un impasto a base di ricotta, frutta candita, zucchero, uova e grano bollito nel latte, che non può assolutamente mancare sulle tavole dei più tradizionalisti. I pasticcieri di SfogliateLab, fedeli alle tradizioni, preparano questo amatissimo dolce seguendo l’antica ricetta nata nel Convento di San Gregorio Armeno nel XVI secolo, anche in versione monoporzione.

I dolci più amati dai bambini, ma in realtà anche da tantissimi adulti, sono le uova di Pasqua. Dopo il grande successo dello scorso anno torna anche nel 2019 il “N’Ovo”, l’uovo di Pasqua dedicato agli amanti dell’innovazione. Infatti, si tratta di un uovo pasquale già aperto e farcito con una morbida mousse (ottenuta con ricotta, panna e qualche goccia di rhum) che avvolge il classico babà napoletano. Oltre a questa versione sono disponibili anche tante altre gustose varianti con differenti farciture.

Infine, per chi a Pasqua aspetta con trepidazione di scoprire una bella sorpresa, Vincenzo Ferrieri ha pensato a una golosa novità che presto renderà molto felici gli amanti della Sfogliacampanella… e non solo, anche gli amanti della colomba…

continuate a seguirci per scoprire di cosa si tratta! 😉

La dolce primavera da SfogliateLab

Le dolci creazioni primaverili di Vincenzo Ferrieri

Il 20 marzo, con un giorno d’anticipo sul calendario, è ufficialmente iniziata la primavera.

In questa stagione, che segna il passaggio dal freddo inverno alle giornate calde e soleggiate, la natura si risveglia offrendoci i suoi frutti colorati e saporiti che diventano i protagonisti delle dolci tentazioni di SfogliateLab (Piazza Garibaldi angolo Corso Novara), la pasticceria guidata dal giovane pasticcere Vincenzo Ferrieri.

La proposta primaverile di SfogliateLab, infatti, comprende moltissimi dolci arricchiti con la frutta fresca di stagione (fragole, frutti di bosco, limoni, amarene, pere, ecc) e non solo, tra cui:

  • Le Sfogliate speciali a frutta: riccia alla fragola, riccia o frolla al limone;, riccia o frolla ricotta e pera;

  • La Sfogliacampanella: ai frutti di bosco, alla fragola, al limone;

Immancabile poi la pastiera, che come ogni anno accompagna escursioni e viaggi durante l’inverno, la primavera (ma un po’ tutto l’anno) con la sua semplicità e la facilità di trasporto.

Pastiera napoletana | SfogliateLAB di Vincenzo Ferrieri

Inoltre, per celebrare l’arrivo di questa stagione piena di colori e profumi, è stato anche ideato un nuovo dolce primaverile ispirandosi proprio a uno dei frutti di stagione più amati da grandi e piccini: l’Amarena.

La nuova creazione di SfogliateLab, infatti, è un morbido semifreddo all’amarena poggiato su una cialda di cioccolato croccante e ricoperto da un sottile strato di glassa all’amarena, disponibile nelle versioni mignon e monoporzione.

In attesa delle golosità pasquali, vi auguriamo un dolce inizio primavera! 😋

Arrivano le Zeppole di San Giuseppe 2019

Zeppole di San Giuseppe: Le nuove versioni di SfogliateLab

Nelle famiglie campane è abitudine festeggiare la Festa del Papà con la Zeppola di San Giuseppe, un dolce tipico, costituito da un bignè di pasta choux, fritto o al forno, farcito con crema pasticciera e rifinito con un’amarena sciroppata e una spolverata di zucchero a velo, dalle origini antichissime. Infatti, si racconta che già San Giuseppe, durante la fuga in Egitto, per sostenere la famiglia dovette affiancare all’attività di falegname quella di venditore di frittelle. La zeppola assunse la forma attuale nel ‘700 ad opera delle monache del Monastero della Croce di Lucca o del Monastero di San Gregorio Armeno mentre, la ricetta ufficiale fu  pubblicata  nel 1837 dal gastronomo napoletano Ippolito Cavalcanti, Duca di Buonvicino, nel suo Trattato di Cucina Teorico-Pratico.

Il pasticcere Vincenzo Ferrieri, titolare della pasticceria SfogliateLab (Piazza Garibaldi angolo Corso Novara), per il 2019, oltre alle Zeppole di San Giuseppe classiche, propone anche tante nuove versioni “gourmet”. In particolare i gusti disponibili quest’anno sono:

  • pistacchio;
  • crema chantilly e fragoline;
  • panna e fragole;
  • cioccolato fondente;
  • cassata;
  • choco stelle (pan di stelle);
  • zuppa inglese e babà.

Inoltre, su ordinazione si possono richiedere altri gusti a scelta.

Le versioni classiche e “gourmet” di SfogliateLab permettono di accontentare gli amanti delle tradizioni e anche i palati più raffinati sempre in cerca di novità, consentendo a tutti di festeggiare la Festa del Papà con le golose Zeppole di San Giuseppe, immancabili in questo giorno di festa.

Chest’è ‘a mano ‘e chist’è ‘o Panariello!

Il nuovo dolce di Vincenzo Ferrieri si ispira al gioco della tombola

Chest’è ‘a mano ‘e chist’è ‘o culo d’o panaro” : è una delle frasi più pronunciate durante il periodo natalizio dai napoletani che si divertono a giocare a tombola. Il giovane pasticciere partenopeo Vincenzo Ferrieri si è ispirato proprio a questa tradizionale attività natalizia per la creazione della sua ultima dolce proposta: “‘O panariello“, ovvero una sfoglia conica – quella della sfogliatella riccia -, che ricorda nella forma il cestino di vimini ove sono contenuti i 90 numeretti della tombola (nel dolce rappresentati da golosi struffoli).

O Panariello by Vincenzo Ferrieri | SfogliateLAB
O Panariello by Vincenzo Ferrieri | SfogliateLAB

Questa nuova golosa proposta, che compendia tre simboli della tradizione napoletana (ovvero: la sfogliatella, il prodotto dolciario partenopeo più conosciuto, gli struffoli, i dolci natalizi più ricercati nel napoletano, e la tombola, gioco nato nel XVIII secolo come alternativa casalinga al lotto), è disponibile in edizione limitata presso SfogliateLab, storico hub del gusto ubicato a Napoli (in piazza Garibaldi, angolo Corso Novara).

La “dolce oasi” di SfogliateLab a “L’Artigiano in Fiera”

Le novità di SfogliateLAB del 2018 vanno in scena a Milano

Il pasticciere napoletano Vincenzo Ferrieri, patron di SfogliateLab, dopo il successo riscosso l’anno scorso torna a “L’Artigiano in Fiera”, fiera, ad ingresso gratuito, dedicata all’artigianato mondiale, che si svolgerà dall’1 al 9 dicembre al polo fieristico di Rho-Pero (Milano). In nove giorni, dalle ore 10 alle 22, oltre 3mila espositori, con prodotti provenienti da cento Paesi, proporranno le proprie opere fatte interamente a mano: prodotti autentici, originali e di qualità che stupiscono per innovazione e bellezza.

 

Il viaggio nel gusto con l’Artigiano in Fiera prevede una tappa presso lo spazio di Sfogliatelab (Padiglione 1 – Stand E 11 E13) ove i visitatori potranno conoscere e degustare le tipicità dolciarie napoletane.

 

 

In particolare, oltre alle sfogliatelle classiche, saranno proposte: la “SfogliaCampanella”, la sfogliatella con il cuore di babà disponibile in decine di gusti diversi (dal cioccolato, al pistacchio, al croccantino, e così via); la “Sfogliata Fredda”,  una sfogliata scomposta –  in versione “semifreddo” – ottenuta con gli stessi ingredienti della “riccia” classica; lo “SfogliaPanettoneovvero il classico panettone milanese – rigorosamente arricchito con canditi e uvetta –  farcito con la Sfogliata Fredda, la sfogliatella, e la sfoglia sbriciolata. Altra golosità, che sarà degustabile solo in fiera, la “SfogliaCampanella soft”, ovvero il classico involucro della sfogliatella arricchito con gelato e guarnito con topping in decine di gusti diversi.

 

Artigiano in Fiera, Fieramilano (Rho-Pero), dall’1 al 9 dicembre, dalle 10 alle 22

 

SFOGLIATELAB
Piazza Giuseppe Garibaldi, 82 (Napoli)
Tel. 081 554 0165
www.sfogliatelab.it
Pagina Facebook: Sfogliatelab Tentazioni Partenopee

 

Il panettone al gusto sfogliatella scomposta di Vincenzo Ferrieri

Le nuove dolci tendenze natalizie: panettone farcito con la sfogliatella fredda

La tradizione è il punto di partenza per raggiungere nuovi traguardi”: è questo il motto di Vincenzo Ferrieri, giovane pasticciere napoletano, noto per la sua creatività che mette al centro di tutte le idee che sviluppa la “sfogliatella”, il dolce più rappresentativo della tradizione dolciaria partenopea. In virtù della sua partecipazione a “L’Artigiano in Fiera” (1-9 dicembre – Fieramilano Rho), evento dedicato per l’appunto alle infinite sfumature della creatività di tutti i popoli del mondo. Vincenzo ha messo insieme tre dolci simbolo di tre regioni d’Italia (da Nord a Sud), ovvero: il panettone per la Lombardia, la sfogliatella per la Campania e il gelato per la Sicilia. Nasce così lo SfogliaPanettone ossia il panettone farcito con la sfogliata fredda: il classico dolce milanese – rigorosamente arricchito con canditi e uvetta – viene farcito con la sfogliatella scomposta, la sfogliatella – gelato nota come “sfogliata fredda” che ha avuto grande successo la scorsa estate, e la sfoglia sbriciolata.

Vincenzo Ferrieri: figlio di papà (napoletano)

I genitori napoletani, si sa, fanno molta fatica ad allentare le briglia e a lasciar andare i loro figli. Questo però non pregiudica il fatto che tengano tantissimo alla carriera lavorativa dei loro figli, ergo si fanno in quattro per garantire loro gli studi e – chi se lo può permettere – investe per creare loro un ”avvenire”. Cosa significa? A Napoli questo termine in ambito lavorativo ha una doppia accezione: l’”avvenire” per l’operaio significa il “posto fisso”, ovvero un lavoro con contratto a tempo indeterminato che garantisce la successiva creazione di una famiglia (dunque la stipula di un mutuo); per i genitori un po’ più moderni e abbienti l’”avvenire” può coincidere anche con la creazione di una realtà imprenditoriale che garantisca ai propri figli la sopravvivenza futura. Tanti negozi, ristoranti, pizzerie, pasticcerie a Napoli sono nate per questo motivo (nel campo dell’enogastronomia, poi, i napoletani sono maggiormente disposti ad investire in quanto parecchio abili ai fornelli e buone forchette).

Una case history attinente a questo discorso è quella della famiglia Ferrieri, che da generazioni investe nel campo del food, soprattutto in quello della pasticceria. Una lunga tradizione che segna la nascita di un nuovo modo di intendere la gastronomia a Napoli e non solo. Il bisnonno di Salvatore Ferrieri gestiva un bar nella storica Via Foria, mentre il nonno era nel settore macelleria. Negli anni ‘70 i suoi genitori fondarono  “Gastronomia Tedesca”, antesignano del pub e primo locale a proporre a Napoli un food veloce ed insolito, come il panino con wurstel e crauti. Con la stessa dedizione e passione per la cucina Salvatore lavorò con il padre fin da quegli anni, per farsi poi promotore nel tempo di una gastronomia diversa, ma altrettanto ricercata. Si apre ad altri settori della cucina approdando con successo in quello della “ristorazione tuttotondo”, che unisce i piatti della tradizione napoletana alla pizzeria e ad una straordinaria pasticceria artigianale, ovvero quella di SfogliateLab, bar/pasticceria ubicato in piazza Garibaldi.

Buon sangue non mente: Vincenzo Ferrieri, figlio di Salvatore, attualmente titolare del marchio SfogliateLab, ha fatto suo questo modus operandi e ogni giorno sperimenta nel laboratorio della storica pasticceria di piazza Garibaldi nuovi modi per somministrare ai suoi clienti i dolci della tradizione napoletana. E’ nata così la Sfogliacampanella: non è una sfogliatella, non è un babà, né tanto meno un dolce alla ricotta. E’ un dolce che non finisce mai di stupire con i suoi tre strati di gusto: presenta all’esterno la sfogliata a pasta riccia e dentro, avvolto in un cuore di cioccolato e in una raffinata mousse a base di ricotta, il babà in versione mignon. Sembra facile ma non lo è. Il segreto è nella crema di ricotta miscelata. Un dolce che invita chi lo assaggia a prendersi del tempo, obbliga i golosi a concedersi diversi momenti di piacere assaporando la tradizione che lo accompagna e – magari – cercando di indovinare la sua antica e preziosa ricetta.
Da ragazzo ho sempre avuto la passione per la pasticceria creativa  – spiega Vincenzo – .  Con le mie creazioni voglio ricalcare la tradizione culinaria della sfogliatella e dare avvio a un nuovo rito del piacere, portandolo in giro partendo ovviamente da Napoli”.

Insomma, Vincenzo sarà pure un figlio di papà, ma di un papà napoletano, che ha insegnato ai propri figli a rimboccarsi le maniche per mettere a frutto ciò che hanno ereditato!

 

SFOGLIATELAB
Piazza Giuseppe Garibaldi, 82 (Napoli)
Tel. 081 554 0165
www.sfogliatelab.it
Pagina Facebook: Sfogliatelab Tentazioni Partenopee

Torronella: il torrone al gusto di sfogliatella napoletana

Torrone alla sfogliatella: due dolci della tradizione si fondono in una golosa proposta

A Napoli mangiare il dolce a fine pasto è un dovere oltre che un piacere. Ce ne è uno per ogni ricorrenza, felice o meno che sia… C’è la classica “guantiera” di dolcini, che solitamente si acquista la domenica e si consuma a fine pranzo; c’è la pastiera, dolce che scandisce le festività pasquali, ma che i napoletani amano mangiare anche in altri periodi felici dell’anno; gli struffoli, di cui a Natale i partenopei fanno incetta; le chiacchiere che si sgranocchiano a Carnevale… E c’è il “torrone dei morti”, un dolce tipico che si prepara in tutta la Campania in occasione della ricorrenza di Ognissanti e della commemorazione dei defunti.

Una golosità a base di cioccolato e diversi ripieni morbidi e golosi. La novità di quest’anno, griffata “Vincenzo Ferrieri”, è il torrone alla sfogliatella ottenuto con crema di cioccolato bianco, cannella, arancia (sia sottoforma di aromi che candita) e, ovviamente, la classica sfoglia che racchiude il goloso ripieno della “riccia”  napoletana.

Questa golosa novità è disponibile (in edizione limitata) presso la nostra sede SogliateLab (piazza Garibaldi, 82/84 – Napoli).