La sfogliata fredda di Vincenzo Ferrieri

La sfogliatella diventa una torta gelato!

Vincenzo Ferrieri, patron di SfogliateLab (la “fabbrica delle sfogliatelle” ubicata a Napoli – in piazza Garibaldi – da cui partono ogni giorno migliaia di dolci tradizionali napoletani destinati ad essere mangiati dagli abitanti di tutto il mondo) e ideatore della SfogliaCampanella (la sfogliatella con il cuore di babà che è divenuta una delle golosità più ricercate a Napoli e dintorni), ha assemblato un nuovo dolce, che sicuramente diverrà il goloso tormentone dell’estate 2018. Si tratta della “Sfogliata fredda”: un sfogliatella scomposta (gli ingredienti sono gli stessi del dolce napoletano più apprezzato al mondo) che è dotato di una forma ed una consistenza diverse, ovvero si presenta come una torta (sia in formato monoporzione che in formato classico) e va consumata fredda (quindi va conservata in frigo come se fosse un gelato).

La base di questa nuova delizia è composta da Pan di Spagna ricoperto da uno strato di ricotta aromatizzato gli agrumi; seguono uno strato si sfogliata sbriciolata, un altro strato di ricotta e un secondo strato croccante… Dulcis in fundo, una sfogliatella classica in versione mignon culmina questo nuovo capolavoro di bontà!

Download Now

 

Maria Consiglia Izzo
Ufficio stampa SfogliateLab

Il Masaniello: un biscotto generoso, fresco e rivoluzionario…

Masaniello, eroico paladino del popolo napoletano, personaggio a metà strada tra realtà e leggenda, diventa un dolce.

Tanti gli artisti che ne hanno ritratto il volto oppure ne hanno dipinto le gesta, altrettanti gli scrittori che lo hanno descritto, Pino Daniele lo ha citato in una famosa canzone, ma mai nessun pasticciere ha tratto ispirazione dal suo carattere per fare un dolce…

Vincenzo Ferrieri, patron di SfogliateLab, ha ideato un rivoluzionario biscotto gelato fatto di Pan di Spagna farcito con una mousse composta da latte, ricotta e panna, e poi rifinita con l’ingrediente corrispondente alla variante specifica (cioccolato, nocciola e bigusto, ovvero cioccolato e panna). Lo stesso ingrediente corrispondente alla variante viene poi utilizzato per la copertura parziale del biscotto.

Il Masaniello è un dolce che, come il personaggio che lo ispira, incarna lo spirito napoletano: la generosità dei suoi ingredienti, la freschezza del suo gusto, la rivoluzione dell’utilizzo del pan di Spagna (non più come base per torte, ma come croccante biscotto da mordere).

Maria Consiglia Izzo
Ufficio stampa SfogliateLab

’O Babbasone: il dolce “facilone” degustabile a tutte le ore

Lo scorso anno dai nostri laboratori abbiamo creato questo simpatico barattolino, disponibile in due versioni: mignon e grande. I gusti di lancio sono stati 3 e poi per l’estate 2018 arrivano i nuovi gusti… ma scopriamo qualcosa di più su questo simpatico e goloso barattolino.

Il termine “babbasone” fa parte di molti dialetti del Sud, in particolare a Napoli “’o babbasone” è un uomo grosso, facilone e dal carattere aperto. Babbasone era anche uno dei personaggi principali di un libro di Matilde Serao, “Il Paese della Cuccagna”, ovvero il proprietario di un’osteria situata ai Ponti Rossi (zona Capodimonte).
Vincenzo Ferrieri, patron di SfogliateLab, ha dedicato a questa simpatica figura un irresistibile dolce: un babà immerso in golose creme e racchiuso in un barattolo (disponibile in versione large e in versione small). Otto i gusti del dolce:

▶Plasmonito;

▶Tronkettino;

▶Oreolè;

▶Pistacchio;

▶Limone e fragola;

▶Tiramisù;

▶Amarena;

▶Kinderone.

’O Babbasone” è un dessert “facilone”, si lascia degustare in qualsiasi momento della giornata: a fine pasto,  durante una pausa mattutina, oppure a sera per terminare la giornata in dolcezza!

Maria Consiglia Izzo
Ufficio stampa SfogliateLab

Pupetta: il nuovo dolce estivo del 2018

Pupetta, il dolce è femmina

Nasce a Napoli, precisamente nei laboratori della pasticceria SfogliateLab, un nuovo dolce che sicuramente accontenterà tutti (per semplicità e varietà di gusti): la “Pupetta”.
Questa volta Vincenzo Ferrieri, patron della storica pasticceria ubicata a piazza Garibaldi, ha ideato un dolce dedicato a tutte le donne: il termine “pupetta”, che significa “bambola”, è frequente come epiteto vezzeggiativo riferito a una bambina, oppure come appellativo o vocativo affettuoso o scherzoso riferito a una giovane e bella donna.

Questa nuova deliziosa creazione parte da una base di Pan di Spagna farcita con una mousse composta da latte, ricotta e panna, e poi rifinita con l’ingrediente corrispondente al gusto specifico. Ogni variante corrisponde a una determinata tipologia di donna italiana, in particolare:

–          Cioccolato: per la donna determinata;

–          Pistacchio: per la donna golosa;

–          Nocciola: per la donna “in forma”;

–          Fior di latte: per la mamma;

–          Caffè: per la donna in carriera;

–          Zuppa inglese: per la donna tuttofare.

La “Pupetta” è un dolcetto monoporzione (il suo peso ammonta a 80/100 grammi) che si serve semifreddo, dunque ideale da gustare durante il periodo primaverile ed estivo.

Maria Consiglia Izzo
Ufficio stampa SfogliateLab

Il “N’Ovo”: l’uovo pasquale “neapolitan style”

Uova artigianali farcite con mousse e babà napoletano

A Pasqua, si sa, il momento più atteso è quello dell’apertura dell’uovo di cioccolato. Ognuno ha la sua tecnica: c’è chi ricorre al pugno, chi al martelletto, chi al coltello… Fin quando si tratta di un uovo classico, il problema della sua apertura sussiste fino ad un certo punto in quanto più che ammirarlo bisogna mangiarlo; la faccenda diventa seria quando l’uovo è un capolavoro di alta pasticceria. Come le uova pasquali che in questi giorni il pasticciere napoletano Vincenzo Ferrieri sta creando nei laboratori di SfogliateLab (la sua pasticceria ubicata in piazza Garibaldi). Vere e proprie sculture che appagano sia la vista che il gusto. Il must have è però il “N’Ovo” (l’Uovo Napoletano), un uovo pasquale già aperto farcito con una morbida mousse (ottenuta con ricotta, panna e qualche goccia di rhum) che avvolge il classico babà napoletano… piu’ altre varianti golose con altre farciture. Per chi alle sorprese, non sempre all’altezza delle aspettative, preferisce degustare un dolce simbolo dell’arte pasticcera napoletana!

E non finisce qui: nei laboratori di SfogliateLab già da settimane vengono sfornate le pastiere di grano e le colombe  – classiche oppure farcite con cioccolato fondente, crema alla nocciola o al pistacchio -, tutte preparate con lievito madre.
Dulcis in fundo, è proprio il caso di dirlo, la “Sfogliacampanella” (la famosa sfogliatella con il cuore di babà) per Pasqua viene proposta in una versione ancora più golosa, ovvero completamente ricoperta di cioccolato!

 

La sfogliatella in versione pic-nic

Nasce la sfogliatella rustica fave e pancetta

La scampagnata fuori porta, che un tempo avveniva per dare il benvenuto alla Primavera, oggi è diventata un pretesto per passare la Pasquetta, altri giorni di festa, oppure semplicemente le belle domeniche primaverili in compagnia di parenti ed amici senza vincoli di forma (addio, dunque, a giacca, cravatta e tacchi a spillo e, cosa che vale soprattutto per le signore, bye bye fornelli accesi e lavastoviglie in azione).  Le fave non possono mancare nel cestino del pic nic: piccole, tenere e dolci, vanno accompagnate con formaggi e salumi che ne contrastano il gusto.

Uno degli abbinamenti per “antonomasia” consiste nel mangiare le fave accompagnate dalla pancetta:  la loro dolcezza  si sposa in un connubio ideale con il sapore intenso del salume. Conscio di ciò il pasticciere Vincenzo Ferrieri, patron di SfogliateLab (tempio del gusto ubicato in piazza Garibaldi), ha creato una sfogliatella rustica con un cuore a base di fave, pancetta e ricotta romana da consumare durante i pic nic, o – più in generale – durante un aperitivo (magari in versione mignon) od ancora nel corso di un momento di pausa.

Questo nuovo prodotto è disponibile sia presso la pasticceria SfogliateLab (ubicata in piazza Giuseppe Garibaldi, 82 – Napoli) sia sull’e-commerce www.sfogliacampanella.it.

Zeppole di San Giuseppe versione 2018

Le zeppole “gourmet” di Vincenzo Ferrieri

La zeppola di San Giuseppe, bontà simbolo della Festa del Papà e – più in generale – dolce tipico di questo particolare periodo (fa capolino infatti nelle vetrine di SfogliateLab tutto l’anno, per diventarne poi la protagonista quasi assoluta da fine febbraio a fine marzo), è stata rivisitata dal pasticciere Vincenzo Ferrieri che, oltre a prepararla nelle due versioni classiche (un bignè di pasta choux, fritto oppure al forno,  farcito con crema pasticciera e rifinito con un’amarena sciroppata e una spolverata di zucchero a velo), la propone anche in versioni “gourmet”, ovvero farcita con crema al pistacchio, con panna e fragoline, con panna e cioccolato, oppure ricoperta con una golosa glassa al cioccolato e farcita e guarnita con crema al pistacchio.

La zeppola è un dolce tipico campano che ha origini antichissime: diverse poesie e filastrocche narrano infatti che Giuseppe, in fuga verso l’Egitto con Maria e Gesù, per sostenere la famiglia si fosse dato al mestiere di “frittellaro”. Non è sicuro che questa sia la vera origine della zeppola, ma non c’è modo più adatto –  e goloso – per festeggiare tutti i papà del mondo.

La Sfogliacampanella Mimosa

La sfogliatella che omaggia le Donne

Fiorisce agli esordi del mese di marzo: è questa la motivazione per cui la mimosa nell’immediato dopoguerra è stata scelta come simbolo della prima Festa della Donna nell’Italia libera e democratica. Questi particolarissimi fiori – piccoli, sferici e d’un colore giallo vivace – hanno ispirato il pasticciere Vincenzo Ferrieri – patron di SfogliateLab (tempio del gusto ubicato in piazza Garibaldi, Napoli) – nella creazione di una sfogliatella che, rivisitata nella forma dell’involucro e nella farcitura, ne emula le caratteristiche: la Sfogliacampanella Mimosa. Così i piccoli fiori sferici sono ottenuti con il pan di Spagna sbriciolato, e la sfoglia diventa un cono farcito con una morbidissima crema chantilly ove sono immerse prelibate fragoline…

Un dolce pensiero che omaggia la delicatezza e la vivacità che ogni mamma, moglie, nonna, figlia o amica sa portare nella vita di chi le affianca.

La Sfogliacampanella va in scena alla Smeraglia Luxury Clinic

Smeraglia Luxury Academy: un nuovo tempio della bellezza a Napoli

Grande attesa per l’inaugurazione venerdì 16 febbraio alle ore 19 presso il polo di “Eccellenze campane” (ubicato in via Brin, Napoli) della nuova “Clinica Smeraglia”, del professor Silvio Smeraglia, un centro di chirurgia plastica ed estetica all’avanguardia in grado di coniugare eccellenza, tecnologica ed innovazione.

All’evento prenderanno parte tanti personaggi dello spettacolo e dello showbiz tra i quali: Ornella MutiAida YespicaCristiano MalgioglioLorenzo FlahertyGabriele ParpigliaLuca OnestiniMaurizio MattioliAndrea RoncatoAndrea Vento. Previsto l’intervento musicale di Valentina Stella. Attraverso il nuovo polo, la “Smeraglia Luxury Clinic” vuole puntare alle nuove leve, ovvero dare l’opportunità ai giovani specializzandi in chirurgia plastica ed estetica delle università napoletane di formarsi attraverso esperienze proprio all’interno della “Smeraglia Luxury Academy”, il primo polo formativo che valorizza la cultura del saper fare come valore trainante della crescita professionale dei futuri chirurghi plastici napoletani.
Tutti gli invitati al party inaugurale della clinica potranno degustare la Sfogliacampanella (il famoso dolce due in uno inventato da Vincenzo Ferrieri, una sfogliata con il cuore di babà) ed altre golosità prodotte nel laboratorio dolciario di SfogliateLab (l’hub dolciario ubicato in piazza Garibaldi).

La sfogliatella diventa un abito di Carnevale

La sfogliatella diventa un abito di Carnevale

Il Carnevale dà la possibilità di essere per alcuni giorni chi si vuole, dando spago al divertimento più euforico e – perché no – anche alle preferenze in materia di cibo.

E se, ad esempio, la sfogliatella – oltre ad essere tra i dolci più apprezzati da napoletani e non – divenisse anche una maschera ufficiale del Carnevale napoletano? Detto fatto!

Un bambino particolarmente goloso di questo dolce, Antonio Aiello, gira per Napoli con un vestito che riproduce la “Sfogliacampanella”, la sfogliatella con il cuore di babà inventata da Vincenzo Ferrieri, patron del bar-pasticceria SfogliateLab ubicato a piazza Garibaldi. Le foto appena postate sui social hanno già incassato centinaia di preferenze e condivisioni.

E voi cosa ne pensate? 🙂